venerdì 29 aprile 2011

ossa

siamo l'inizio
di una fine ma non finiremo.
buttarsi a polmoni pieni
le braccia alzate,
onde
su un mare d'oceano
controcorrente.

cavi e microfoni rotti
sentiamo il sudore bruciare negli occhi
stringiamo idee da mezzo minuto

siamo la rabbia a pugni chiusi.
ammassati insieme, grida e cuori
per stanze troppo strette
e velocità velocità ancora di più
col sangue sulle ginocchia
le labbra spaccate e la
pelle strappata

siamo le schiene curve
siamo la vita che brucia.
stringendoci
pestandoci i piedi ridendo
ossa sopra ossa
rovineremo insieme su noi stessi,
voci fuori campo del blackout.
siamo questo, e
non cambieremo mai.

noi siamo la tempesta.



[dedicato a tutto ciò in cui oggi credo, per tutte le persone che hanno imparato cosa significa hardcore, sentendone addosso i lividi, per gli abbracci di amicizie nate sotto un palco, per i compagni che credono ancora nella musica come unione, mezzo, sfogo, vita]

10 commenti:

  1. Mi viene da piangere e ti voglio bene.
    Voglio rompermi la schiena, un giorno, con te.

    RispondiElimina
  2. La terrona nei pit non ce la vogliamo. Per il resto, se me la fai in 52 secondi cantata pulita fai il delirio.
    ''every broken knuckle or busted knee''


    XANTIPROGSATANCOREX (ahahahahahah <3)

    RispondiElimina
  3. Tanto (touché) amoré a tutti.

    RispondiElimina
  4. http://www.youtube.com/watch?v=vVZz7YCWThY la tua è la versione italiana rimasterizzata in modo egregio di questa secondo me, cioè, è proprio bella.

    RispondiElimina
  5. Beh la loro ha un testo a tutti gli effetti da canzone. Tanto un giorno la dovrò scrivere pure io una seria, più canzone e meno poesiola.

    RispondiElimina
  6. e comunque la foto "d'apertura" del tuo blog spacca!

    RispondiElimina